Lo spazio del Burn-out. Destrutturare per costruire forme alternative per l’habitat umano

Authors

  • Maicol Negrello Politecnico di Torino, Dipartimento di Architettura e Design
  • Roberta Ingaramo Politecnico di Torino, Dipartimento di Architettura e Design

DOI:

https://doi.org/10.17454/ARDETH08.11

Keywords:

natura, biofilia, city-quitter, digitalizzazione, smartworking

Abstract

Il saggio ragiona sulle possibili soluzioni spaziali, architettoniche e infrastrutturali, in grado di ridurre stress e rischi di burn out dovuti al periodo di confinamento, che ha costretto milioni di persone a condividere spazi e funzioni nello stesso ambiente.
Attraverso l’approccio del design biofilico, si propongono scenari alternativi, azioni e politiche, a diverse scale (territoriale, urbana e domestica), presentando alcuni esempi progettali, in cui la connessione con l’elemento naturale diventa cardine di un processo curativo, supportato da interventi pubblici di infrastrutturalizzazione ditale.

Published

10/22/2021

Issue

Section

Peer Reviewed Articles